Ancora casi positivi da Malta, gravissima una ragazza

0
819
Tempo di lettura: < 1 minuto

In seguito ai recenti risvolti negativi nella situazione Covid-19 a Malta, con un’impennata dei casi rapidissima, di riflesso anche in Sicilia si è registrato un aumento sostanziale dei contagi giornalieri. I giovani rientrando dalle vacanze estive sull’isola, rinominata meta estiva per vivere serate all’insegna della movida, sono veicolo sicuro del virus. Nonostante la regione abbia imposto l’obbligo di sottoporsi a tampone una volta rimpatriati da Malta, Croazia, Spagna e Gracia, non è facile monitorare quanti giovani siano stati sottoposti a rischio di contagio.

I giovani veicolano il virus

Negli ultimi giorni oltre agli 11 ragazzi tornati da Malta a Canicattì risultati positivi, anche una ragazza nel palermitano di rientro dall’isola ha sviluppato gravissimi sintomi di contagio. Si trova adesso in terapia intensiva all’ospedale “Cervello” di Palermo. L’assessore alla salute Razza ha espresso la sua preoccupazione nei confronti del focolaio maltese che fa viaggiare da e verso la Sicilia più di mille persone.

Quarantena nuove restrizioni, quarantena obbligatoria

Il 12 agosto, tramite una nuova ordinanza, Musumeci ha disposto la quarantena per chiunque tornasse da malta dopo il 14 agosto. Ha inoltre affermato che il drastico provvedimento sarà utile a tener conto di quanti tra i 400mila iscritti al sito SiciliaSiCura si trovano in posizioni pericolose nei confronti della collettività. Coloro che si iscrivono alla piattaforma infatti saranno sottoposti ad un triage telematico per registrare i propri sintomi e spostamenti nel sistema sanitario. Questo tipo di misura è sicuramente restrittiva e dovrà comunque tentare di andare a passo pari con le misure prese dalla nazione.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!