Emergenza rifiuti a Palermo: intervengono i dipendenti Reset

0
209
Tempo di lettura: 2 minuti

Sono 94 i lavoratori della Reset, azienda comunale che si occupa di manutenzione in città, a poter transitare alla Rap. L’avvocatura comunale ha mostrato ieri un parere proveritate, con il quale conferma la correttezza delle operazioni dell’amministrazione per il transito del personale. “Alla luce del nuovo e chiarificatore parere dell’avvocatura comunale – spiega Leoluca Orlando – non sussiste alcuna ragione perché Rap non proceda con immediatezza a dare seguito a quanto stabilito dalla Giunta comunale e dalle intese già sottoscritte, avviando l’assunzione del personale Reset destinato al transito interaziendale. Si tratta di personale indispensabile per fare fronte alle tante e urgenti necessità di Rap, la cui carenza di risorse umane è stata ancora una volta sottolineata in queste settimane di emergenza Covid” . “E’ l’ennesima dimostrazione che si vuole sempre prendere tempo, perché era fin troppo scontato che l’avvocatura comunale si determinasse positivamente sulla mobilità di questi 94 lavoratori – commenta Salvo Barone, segretario generale del sindacato Asia – Ma come poteva essere diversamente, se già la mobilità si attiva da tempo in tutte le città d’Italia? E’ solo una questione di volontà e basta. Adesso – conclude Barone – si vada verso il full-time dei lavoratori che rimarranno in quella società, che per il Comune di Palermo, continua ad essere di serie B rispetto alle altre”. Il sindacato Asia annuncia per mercoledì mattina a Palazzo delle Aquile una manifestazione “per dire no alla continua perdita di tempo”.

I dipendenti ottengono il supporto della “Palermo Recuperi”

La Palermo Recuperi è un’azienda attiva nel settore della raccolta, dello stoccaggio e della lavorazione della carta da macero, oltre che nella gestione dei rifiuti. La ditta si occupa in particolare di ritirare e selezionare manualmente la carta, eliminando gli scarti e imballandoli mediante delle presse per ridurne il volume. Al servizio sia degli enti pubblici che delle aziende private, la società con sede a Palermo fa della corretta gestione dei rifiuti il suo punto di forza.

La situazione continua a peggiorare

Lungo viale Regione Siciliana, partendo dal sottopassaggio di via Belgio e proseguendo verso Tommaso Natale, si trova di tutto: sul ciglio della strada carta, cartone, plastica, materassi. Addirittura all’altezza di Leroy Merlin si può notare il paraurti di un’auto, che giace per terra insieme ad altri oggetti metallici, dentro il quale le piante continuano a crescere indisturbate. Arrivando in fondo alla strada e tornando verso la città, lo spettacolo si ripete. Superato il grande negozio di arredi e bricolage, ai bordi della strada ci sono rifiuti di ogni genere: carta, plastica ma anche pannolini, un cellulare, un pallone da calcio e la carcassa di un mezzo a due ruote. Il ‘fiume’ di rifiuti scorre fino alla rotonda di via Belgio, mentre all’altezza dell’ospedale Cervello qualche cittadino continua a sovraccaricare i cassonetti già stracolmi e qualcun altro rovista al loro interno.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!