Insegue l’ex moglie armato di coltello, arrestato

0
218
Tempo di lettura: 2 minuti

Un uomo di 55 anni (C.L. le sue iniziali) residente a Palermo è stato arrestato dai poliziotti del commissariato Tivoli e portato in carcere con l’accusa di maltrattamenti aggravati contro familiari e conviventi, atti persecutori e porto di armi od oggetti atti ad offendere. L’ordinanza restrittiva è stata emessa dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli.

L’uomo è stato bloccato dopo una richiesta di aiuto da parte della ex moglie al 112, terrorizzata dal fatto che il 55enne la stesse seguendo in strada con fare minaccioso e sospetto. Quando il palermitano è stato bloccato dai poliziotti portava con sè un coltello a serramanico con una lama lunga sette centimetri.

Determinanti sono state le numerose denunce presentate negli ultimi tempi dalla vittima. Dalle indagini è emerso infatti che il 55enne, nell’ultimo anno, aveva trasformato la vita della ex moglie in un inferno, pedinandola e presentandosi spesso sotto casa, minacciando lei e un suo conoscente – credendo quest’ultimo suo nuovo compagno- attraverso un’escalation di messaggi e telefonate sempre più preoccupanti. Ora l’uomo è stato portato nella casa circondariale di Rebibbia.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Simile una vicenda avvenuta pochi mesi fa, proprio nel Palermitano

Accecato dalla gelosia ha cercato di colpire con un’accetta l’ex moglie e il suo nuovo compagno, mirando ad alcuni punti vitali come il petto e il collo. I carabinieri hanno arrestato a Misilmeri il 45enne A.S. con l’accusa di tentato omicidio, atti persecutori e porto d’armi o oggetti atti ad offendere. Ad evitare il peggio i familiari della donna che sono intervenuti bloccando l’uomo fino all’arrivo dei carabinieri. La vicenda è accaduta l’8 Maggio 2020, di sera.

L’aggressione


“L’uomo si è recato sotto l’abitazione dei familiari dell’ex moglie – ricostruiscono dal Comando provinciale – ed è stato raggiunto dalla donna e dal suo nuovo compagno. Dopo una violenta lite, scaturita per motivi passionali e di gelosia, il 45enne ha preso dalla sua vettura un’accetta e con la stessa ha sferrato più fendenti contro la coppia”. I carabinieri della stazione di Misilmeri li hanno raggiunti arrestando l’aggressore. “La donna – aggiungono ancora dal Comando – subiva atti persecutori e minacce da parte dell’ex coniuge da oltre un anno e lo aveva più volte denunciato. A seguito dei fatti le persone coinvolte sono state sentite dai militari della Rete antiviolenza. Il gip di Termini ha convalidato l’arresto e disposto per l’uomo la custodia cautelare in carcere”. Le due vittime dell’aggressione hanno riportato alcune ferite lacero-contuse per le quali si è reso necessario l’intervento dei sanitari del 118 e il trasporto in ospedale.