Maltempo in arrivo a Palermo: scatta l’allerta meteo

0
331
Tempo di lettura: 3 minuti


Il dipartimento della Protezione civile regionale ha diffuso un bollettino di allerta per rischio idrogeologico e idraulico per temporali valevole da oggi fino alle ore 24.00 di domani. In particolare, dal mattino di domani e per le successive 24-36 ore si prevedono precipitazioni a prevalente carattere temporalesco. Già nelle prossime ore una perturbazione, che in questo momento si trova tra la Spagna e le isole Baleari, raggiungerà l’Italia portando piogge e temporali sulle regioni nord occidentali e sulla Sicilia. Al Sud è prevista quindi una spiccata variabilità sui settori peninsulari con acquazzoni e temporali sulle Tirreniche, più frequenti sui rilievi e sul Nord della Sicilia. Temperature in calo, massime tra 27 e 30°.

Il clima siciliano

La Sicilia ha un clima mediterraneo, in generale. Le estati sono calde o molto calde e gli inverni miti e piovosi. Le stagioni intermedie piuttosto mutevoli. La zona costiera, specie quella sud-occidentale, è quella che risente maggiormente delle correnti africane per cui le estati possono essere torride. Un luogo comune climatico sulla Sicilia è quello che la vede come isola del caldo anche durante l’inverno, ma in realtà non è così. Specialmente lungo la costa tirrenica e nelle zone interne, infatti, gli inverni possono essere anche rigidi e tipici del clima continentale

Cambiamenti climatici in Sicilia

Il problema del clima è planetario ma si declina con estrema semplicità nella quotidianità dei siciliani. Lo dicono le temperature in crescita (0,4 gradi in più a Palermo tra il 1971/2000 e il 2001/2018), le aree che potrebbero subire seri danni in seguito all’innalzamento dei mari e le bombe d’acqua che sommergono con facilità i centri urbani. Sono stati 148 gli eventi che, lo scorso anno, hanno colpito l’Italia, causando 32 vittime e più di 4.500 sfollati. I numeri di Legambiente mettono in ordine anche l’elenco delle città che hanno subito il maggior numero di eventi e tra queste ci sono anche due siciliane. Palermo e Catania, rispettivamente con 12 e 9 eventi, si collocano al quinto e sesto posto nella graduatoria del rischio in città. L’Enea, in collaborazione con CNR e altri centri di ricerca universitari italiani ed esteri, ha tracciato l’elenco di 40 aree italiane costiere a rischio di subire rilevanti danni in seguito all’innalzamento del livello dei mari. Ce ne sono ben cinque in Sicilia: Granelli e Noto a Siracusa, Pantano Logarini a Ragusa e poi Trapani e Marsala. Complessivamente, si legge sul report dell’associazione del Cigno, i dati mostrano che esiste un’area a rischio inondazione in tutta Italia che è pari a quella della Liguria.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Comuni siciliani a rischio

Nel mirino ci sono diverse realtà siciliane, considerando che il 70% dei comuni isolani ha almeno un’area a rischio idrogeologico. “Gravi episodi causati dal maltempo hanno colpito negli ultimi anni anche la Sicilia orientale con alluvioni, frane, colate di fango e trombe d’aria – si legge sul rapporto di Legambiente – la città di Catania è stata vittima di 9 eventi estremi a partire dal 2010” e le “amministrazioni ancora non sembrano aver posto le tematiche della prevenzione da alluvioni e frane tra le priorità del loro lavoro”. Per i tecnici di Legambiente il giudizio è netto: si evidenzia dunque una “gestione sbagliata del territorio e la scarsa considerazione delle aree considerate ad elevato rischio idrogeologico, la mancanza di adeguati sistemi di allertamento e piani di emergenza per mettere in salvo i cittadini, insieme ad un territorio che non è più in grado di ricevere precipitazioni così intense, sono i fattori che trasformato un violento temporale in tragedia”.

Temperature in crescita

Altro elemento significativo del cambio di clima in corso è stato segnato dalla crescita della temperatura media. Secondo uno studio della Fondazione Osservatorio meteorologico Milano Duomo citato nel rapporto, la differenza delle temperature medie tra i periodi 2001-2018 e 1971-2000, in alcune grandi città, è “significativa ed allarmante”. In particolare la media nazionale delle aree urbane di è +0,8 gradi centigradi nel periodo 2001-2018 rispetto alla media del periodo 1971-2000. A Palermo è cresciuta di 0,4 gradi.