Omicidio: ucciso dal padre 85enne con un taglio al collo, arrestato

0
596
Tempo di lettura: 2 minuti

Omicidio a Palagonia, un padre di 85 anni ha ucciso suo figlio con un taglio al collo.

L’accaduto

Francesco Guzzardi, al culmine di una lite avvenuta per futili motivi futili ha ucciso il proprio figlio. La vittima, Massimo Guzzardi, di 47 è stata rinvenuta in via Vittorio Emanuele. L’85enne è stato arrestato dai carabinieri e una volta interrogato ha confessato tutto al magistrato della Procura di Caltagirone che indaga e ha disposto per lui gli arresti domiciliari. La vittima era già stata arrestata una volta e poi condannata per l’omicidio di una 16enne.

La dinamica dell’omicidio

La lite è iniziata per motivi economici tra padre e figlio, è avvenuta nel di un’abitazione di famiglia. L’arma del delitto sarebbe una roncola, presa in mano dal padre per poi colpire mortalmente il figlio al collo. A chiedere aiuto ai carabinieri sarebbero stati alcuni familiari. La ricostruzione di tutto l’accaduto è stata fatta dai carabinieri dopo aver ascoltato le diverse versioni contrastanti dei genitori della vittima, subito dopo il ritrovamento del cadavere e dopo la visione delle immagini della videosorveglianza della zona. Dai primi accertamenti tecnico scientifici hanno permesso di ottenere “gravi e concordanti indizi di colpevolezza” nei confronti dell’85enne che, una volta messo di fronte ai fatti di causa, ha confessato l’omicidio. L’uomo ha inoltre indicato ai carabinieri dove aveva nascosto l’arma con cui ha ucciso il figlio, una roncola, che era stata sequestrata dai carabinieri all’esterno della casa. Il corpo della vittima è stato portato nel cimitero di Palagonia in attesa dell’autopsia, su disposizione della procura di Caltagirone. Massimo Guzzardi 27 anni fa era stato arrestato insieme ad un complice amico, allora ventenne, che poi si tolse la vita nel carcere di Caltagirone, perchè accusato di aver violentato ed assassinato una giovane di Palagonia, ora invece, assolte le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari in un centro di assistenza per anziani.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!