Peschereccio tunisino sotto gli spari della Guardia di Finanza a Lampedusa

0
521
Tempo di lettura: < 1 minuto

Giornata intensa per la Guardia di Finanza di Lampedusa, che si è vista costretta a speronare uno scafo sconosciuto che non ha accettato di fermarsi all’Alt.

Tutte le forze in campo, quando il gioco si fa duro

Il fuoco è stato aperto contro il peschereccio tunisino in mattinata, artefice dell’atto di giustizia una motovedetta ella Guardia di Finanza. Le forze armate avevano intimato l’Alt all’imbarcazione, il cui equipaggi ha preferito ignorare tentando l fuga in acque internazionali. Con scarsi risultati, perché la vetta Italiana è riuscita a speronarla e bloccarla, la nave e il suo equipaggio sono poi stati trasporti dalle stesse fiamme gialle sull’Isola di Lampedusa.

Il comandante del peschereccio è stato tratto in arresto, accusato sempre dalla Finanza di pesca illegale in acque del territorio italiano. Durante le operazioni sono stati impiegati un Pv7, il Polini, del comando aeronavale e una vedetta dell’omonimo reparto operativo delle guardie di Vibo Valentina, entrambe in soccorso a Lampedusa.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Un’operazione pericolosa, militari rischiano la vita

L’inseguimento è durato qualche ora ed è stato filmato in modo integrale dai veicoli del comando operativo aeronavale, messi a disposizione dall’agenzia europea Frontex. Nei video è chiaro che il peschereccio, nonostante fosse minacciato dall’esplosione di alcuni colpi da parte dell’unità maggiore, rendeva impossibile l’abbordaggio mettendo in difficoltà la motonave italiana con manovre pericolose che avrebbero potuto mettere a rischio la vita dei militari connazionali che provavano a salire sulla loro imbarcazione.

Una volta terminato l’inseguimento, i militari sono riusciti d’accostarsi al peschereccio, sequestrandolo e portandolo al porto di Lampedusa. Una volta sul posto, grazie al coordinamento del capo Luigi Patronaggio e del suo collaboratore Salvatore Vella, il comandante della motopesca è stato arrestato e tutti gli strumenti usati per praticare attività illecite sono stati sequestrati.