Ragazza ferita dalla caduta di una finestra in classe, edifici a pezzi

0
647
Tempo di lettura: 2 minuti

La ragazza colpita dall’infisso è l’ennesima vittima delle condizioni precarie delle strutture scolastiche siciliane, che dimostrano ancora una volta quanto sia poco sicuro frequentare le lezioni in aula per i nostri figli.

La scuola, un posto rischioso

È successo in una scuola di Modica, precisamente in una classe dell’istituto Giovanni Verga, situato in corso Umberto a Modica, in provincia di Ragusa. Durante le lezioni quotidiane una finestra si è staccata dalla parete, colpendo in testa una studentessa che si è gravemente ferita alla testa. In seguito all’accaduto il primo piano della struttura è stato reso inagibile e le lezioni di coloro che frequentano le aule continueranno in modalità a a distanza. I tecnici dell’ex provincia di Ragusa stanno controllando tutti gli infissi dello stabile per evitare il ripetersi di questi eventi veramente spiacevoli, sconfortanti.

Non la prima e nemmeno l’ultima volta

Due anni fa a Palermo si è verificato un fatto simile quando, dalla parete di un’aula della sede di Giurisprudenza una finestra ha ceduto, ferendo una studentessa di 20 annua al collo, seppur lievemente. La ragazza aveva infatti rifiutato il trasporto in ospedale offerto dai medici del 118, mentre i vigili del fuoco e la polizia lavorano alla messa in sicurezza del prospetto dell’edificio. Si è poi recata a casa accompagnata dai genitori.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

E sempre a Palermo, qualche giorno fa, un cornicione di un palazzo in zona Via Imera ha ceduto, colpendo un uomo in testa. Il distacco del cornicione ha causato la caduta di una fioriera in cemento che ha colpito l’uomo dritto sul capo insieme ad altri cocci di cemento, l’uomo è stato tempestivamente soccorso e portato al vicino ospedale Villa Sofia. Anche in questo caso, avvenuto lo scorso 24 Settembre, i vigili del fuoco si sono subito messi all’opera per rendere nuovamente agibile la zona, sistemando alla buona il prospetto del palazzo.

All’uomo è toccata la stessa sorte che nel 2019 colpi una ragazza di 25 anni, colpita da un cornicione crollato in Corso Vittorio Emanuele, una delle strade principi del centro storico del capoluogo. I pezzi di cemento l’avevano ferita al volto, al naso e alle spalle, ferite che l’hanno costretta ad un breve ricovero in ospedale. Tutte le vittime hanno inoltre subito lievi traumi cranici.