Ragusa: l’assurdo passaggio degli autobus in via Roma

0
205
Tempo di lettura: 2 minuti

Il movimento politico “Territorio” di Ragusa si è pubblicamente detto a sfavore della scelta di aprire Via Roma al passaggio dei bus navetta per Ragusa Ibla.

La pericolosità di queste “navette”

La sera del 29 Agosto, ricorrenza della festa del santo patrono della città di Ragusa serata nella quale, tra l’altro, si poteva evitare data la mole di persone nella zona pedonale.

Il direttivo di Territorio ha quindi scattato delle foto che mettono la problematica in risalto.
I bus sono tre, di cui uno di dimensioni molto grandi per essere un bus navetta. Passano su una via pedonale dove non c’è un flusso continuo di veicoli, ciò significa che quando meno te lo aspetti ti ritrovi un autobus davanti con bambini che giocano e persone che passeggiano.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Via Roma e la movida

La sistemazione di Via Roma è particolare, sono molto presenti panchine, aiuole, ali d’illuminazione verso il centro strada, tavoli dei ristoranti, sedie e molto altro. I bus passano a pochi centimetri della gente seduta a tavola che mangia.

Andrebbe quindi rivista l’utilità effettiva di questo servizio ed in ogni caso trovare un modo per spostarlo o adattarlo alle esigenze della movida di via Roma. Alcuni giustificano il passaggio quando sono pochi gli esercizi aperti, ma è del tutto anomalo che succeda anche nelle ore di punta, specialmente la sera.

L’appello alle amministrazioni

La speranza è che chi di dovere riveda la situazione e dia ai cittadini ragusani un posto dove passeggiare e passare la serata senza paura di doversi trovare un autobus a pochi centimetri in un’area pedonale.

A tal proposito interviene Michele Tasca:“Si auspica che l’amministrazione voglia rivedere la decisione e che gli assessori competenti siano in grado di trovare le soluzioni idonee per via Roma, rifuggendo da inutili e pericolosi esperimenti, il compito di un amministratore è quello di assumere scelte precise e non di andare per tentativi”