Viviana Parisi, appare un nuovo video. Il marito:”Era depressa”.

0
1816
Tempo di lettura: 2 minuti

Il giallo che avvolge la morte di Viviana Parisi arriva ad un punto di svolta. Tramite impegnative ricerche gli inquirenti sono riusciti a ricostruire un filmato, tramite la videosorveglianza privata. Come scrive il giornale “LaSicilia” nel video è stato possibile riconoscere l’Opel Corsa della donna a Sant’Agata di Militello, proprio durante i 22 minuti di buco nei suoi spostamenti, che non rendevano chiare le sue azioni prima della scomparsa.

Il silenzio degli inquirenti

Il video in questione rende possibile la ricostruzione dei fatti prima dello scontro con il camion, avvenuto in una galleria della A20. Gli investigatori parlano infatti di Interessanti dettagli, ma non lasciano trapelare l’esatto contenuto del filmato. Non sappiamo infatti se le immagini mostrino la presenza del piccolo Gioele, 4 anni, che nonostante le ricerche non è ancora stato trovato. Gli inquirenti e i soccorritori stanno tentando di fare il punto della situazione. Mercoledì gli investigatori, con l’aiuto dei tecnici Enel hanno rianalizzato il luogo del ritrovamento, per capire se Viviana possa essersi arrampicata per poi buttarsi nel vuoto. Inoltre l’autopsia ha riportato svariate fratture plurisettoriali ma nessun segno di violenza, prende quindi campo la possibilità che possa essersi volontariamente tolta la vita.

La delicata condizione psicologica di Viviana

Intanto anche il marito di Viviana rilascia delle dichiarazioni in un’intervista al “Correriere”. Afferma di non aver notato particolari segni di squilibrio nella moglie, o almeno non il giorno della sua scomparsa. Come il padre della donna anche lui fa riferimento alla condizione psicologica che lei ha avuto durante gli avvenimenti causati dal Covid-19. Ammette che la donna ha sofferto negli ultimi mesi di una lieve forma di depressione, per la quale oltre ad un breve ricovero assumeva degli psicofarmaci. Ci tiene però a precisare che la sua partner non ha mai mostrato segni i aggressività o rifiuto verso il bambino, anzi la situazione li aveva legati ancora di più.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!