Ztl Palermo: telecamere in 26 varchi autorizzate dal ministero delle infrastrutture

0
518
Tempo di lettura: 2 minuti

La Sispi inizia i sopralluoghi per le verifiche tecniche con l’Enel, a breve i lavori che dovrebbero durare 90 giorni.

Modifiche alla ztl

Il ministero delle Infrastrutture ha autorizzato l’installazione delle telecamere in altri 26 varchi, in aggiunta ai 5 già sorvegliati. Il Comune da notizia, che ha incaricato la Sispi, che effettuerà i sopralluoghi per le verifiche tecniche con l’aiuto dell’Enel e la ditta incaricata dell’installazione. Tra circa una decina di giorni inizieranno i lavori che dureranno complessivamente un massimo di 3 mesi. I varchi attualmente sorvegliati dalle telecamere già installate sono: piazza Verdi, via Gagini, via Porto Salvo, Porta Felice e via Roma. Le nuove zone sorvegliate saranno invece: San Sebastiano, via Alloro, via Cervello, vicolo del Pallone, via Pardi, via Filangeri, corso dei Mille, via Maqueda, via Battisti, via Grasso(dall’angolo di Mignosi), via Musco(dall’angolo via Grassi), via lo Giudice, via San Francesco Saverio, via Cadorna, piazza Baronio Manfredi, via Barbieri, Porta Nuova, via Papireto, via Bonello, piazza del Noviziato, l’accesso alla via Luigi Siciliano Villanueva provenendo dalla via G.Luigi Cadorna; l’accesso alla via Prestinari provenendo dalla via G.Luigi Cadorna; via Roma (Olivella), via degli Angelini, piazza Santa Teresa, via Cappuccinelle (cortile Mangano) e via Cappuccinelle (dall’angolo di via Papireto).

Perchè aggiungere telecamere alla Ztl?

L’area della Ztl (zona traffico limitato) coincide con il centro storico, che è tra i più vasti d’Europa con i suoi 2,5 chilometri quadrati. l’attesa per l’installazione di queste telecamere è iniziata dal 2017, è l’unico vero mezzo contro l’accesso dei veicoli non autorizzati poichè la polizia municipale non è nelle condizioni di sorvegliare tutti i varchi della zona. La videosorveglianza dell’area, prevista nel disciplinare tecnico, è finanziata dal Pon Metro. I costi complessivi della realizzazione del sistema di controllo, in mano alla Sispi, ammonta a 600 mila euro autorizzato dall’amministrazione comunale. “Il sistema di videosorveglianza dei varchi autorizzato dal ministero consentirà all’amministrazione comunale di concludere il percorso di realizzazione della Ztl 1. Sitratta quindi di un messaggio molto importante che va dalla direzione di contribuire al miglioramento della qualità dell’aria e alla diminuzione del traffico veicolare. Questo risultato consentirà all’amministrazione comunale di lavorare per la predisposizione degli atti relativi alle Ztl 2” dichiara l’assessore Giusto Catania, mentre il sindaco Leoluca Orlando dice “Il controllo degli accessi è fondamentale perchè sempre la Ztl sia sempre più efficace e per la sua funzione di deterrente. Un passo importante per rafforzare il percorso di vivibilità di tutta la città”.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Rimani aggiornato sulle ultime novità!